Sanremo, aspettando Celentano

webgol’s Picture from Flickr.com

E ritorna il Festival di Sanremo, e ritorna Gianni Morandi, e ritorna Celentano.

Per la prima puntata c’è attesa per quello che il “Molleggiato” potrà dire, o non dire, con le sue lunghe pause, la sua voglia di far riflettere, provocare, far discutere.

Personalmente, sono curioso di come sarà quel Rocco Papaleo che da anni sembra proprio non sbagliarne una e, noi, potremo ancora appassionarci per il Festival di Sanremo, forse.

A proposito, da due presenze femminili sul Palco dell’Ariston, si è passati ad una sola, causa “cacciata” della figlia di Ecclestone, troppo capricciosa, anche se l’altra super top model designata stasera darà forfait per un misto di torcicollo, panico e ansia da prestazione non necessariamente in quest’ordine.

Felice Sanremo, se è questo ( solo ) ciò che ci è rimasto, poveri noi.

twitter@normandilieto

Annunci

La Grecia e tante altre.

Luigi Rosa’s Picture from Flickr.com

Non so se tutti si ricordano i sacrifici “lacrime e sangue” che il Governo Prodi dell’epoca aveva richiesto agli italiani e la famosa “tassa sull’Europa”. Per entrare nella Comunità Europea bisognava avere determinati requisiti, pena l’esclusione.

Poi, con il passare degli anni, oltre che Francia, Germania, Italia sono entrate nell’ordine più disparato, Paesi come: Grecia, Portogallo etc, non a caso entrambe a rischio default.

E’ impressionante poi la situazione della Grecia e del popolo greco, fila agli uffici di collocamento, centinaia di persone, giovani e persino anziani a caccia di un posto di lavoro. Chi offre lavoro, propone solo posti da venditore con guadagni a percentuale in base alle vendite effettuate, e così ci si arrabatta con supermercati vuoti e personale licenziato e ridotto all’osso, in un Paese dove il reddito procapite è di 13.000 € all’anno.

Che Tragedia greca.

twitter@normandilieto