La famiglia Bélier e gli altri francesi

Ne avevo già scritto in precedenza sulla differenza sostanziale che a mio avviso corre tra il cinema francese e quello italiano.

Ce ne corre parecchia mi viene da dire ma, i diversi elementi che i francesi riescono a mettere sul piatto rispetto a noi in tema di film, sono:  la volontà di affrontare temi sociali e di attualità anche controversi, una sensibilità di primissimo piano nel trattare gli stessi ed una capacità di fotografare la realtà in maniera impeccabile.

Prendiamo per esempio il tema dell’immigrazione: ad oggi si tratta di una discussione sempre più sentita in Italia, con continui scambi di accuse tra le varie parti politiche, sia di lotta che di governo, la Chiesa e chiunque abbia da dire qualcosa sull’argomento, finanche si tratti del pubblico di qualche piazza in collegamento tv di qualche talk show nazionalpopulista.

Già nel 2009 un film francese: “Welcome” raccontava la difficile storia tra un cittadino francese ex nuotatore olimpico ed un  ragazzo Bilal Kayani, immigrato curdo-iracheno desideroso di raggiungere la sua fidanzata che vive con la famiglia a Londra.

La vuole raggiungere attraversando a nuoto la Manica e nonostante l’ex campione cerchi continuamente di persuaderlo, il ragazzo non vuole venir meno alla promessa fatta alla ragazza che nel frattempo è stata promessa in sposa dal padre ad un altro ragazzo di Londra.

Il rapporto tra i due protagonisti non manca di ruvidezza ma anche di sensibilità estrema nel far rischiare all’uomo di essere accusato di complicità nel nascondere un immigrato ricercato dalle autorità francesi. La sua consapevolezza di commettere un reato, nel tentativo di aiutarlo ad attraversare la Manica a nuoto, mettono l’uomo a dura prova.

Inutile dire che il ragazzo non ce la farà a raggiungere la Gran Bretagna a nuoto e come alla fine Simon, distrutto dal dolore per la morte del ragazzo,  decida di andare in Gran Bretagna  a raccontare l’incredibile storia di Bilal alla sua fidanzata.

Sul tema del lavoro invece, in epoca di crisi economica e nella fragilità dei rapporti di lavoro, il film: “Due giorni, una notte” dei fratelli Dardenne è ancora più emblematico.

Una donna, moglie e madre di due figli è operaia di una piccola ditta di pannelli solari. Il proprietario avendo notato che la stessa rappresenterebbe “l’anello debole” della catena di montaggio, propone ai suoi colleghi di votare per il suo licenziamento; qualora vincessero i sì, otterrebbero un premio di 1000€ .

Dopo la vittoria dei Sì, Sandra riesce aiutata dal marito a rifare la votazione, chiedendo che sia garantito l’anonimato a chi vota.

Parte da qui una corsa contro il tempo che vedrà Sandra dover convincere i propri colleghi a non votare per il suo licenziamento.

Ci saranno anche qui scontri ruvidi tra chi vorrebbe mettere le mani su quei 1000€ anche a costo di far perdere il lavoro alla propria collega.

Qui, l’assenza di sensibilità da parte dei colleghi nei confronti di una madre che rischia di perdere il proprio lavoro, la loro avidità nella speranza cieca di ottenere un bonus inaspettato può rendere le persone incapaci di solidarietà.

Chiudiamo con la Famiglia Bélier.

Che dire di questa commedia geniale?

Una famiglia di contadini, marito e moglie, entrambi sordi, così come il loro figlio maschio.

Solo Paula, la loro figlia femmina, riesce ad essere una sorta di “trait d’union” tra la famiglia e il mondo esterno: nel rapporto coi fornitori, con i clienti, con la comunità cittadina e quindi con il mondo intero.

Ma quando Paula si iscrive ad un corso estivo di canto solo perché lo ha appena fatto anche il ragazzo che le piace, non saprà di essere appena andata incontro al suo destino.

Infatti, il maestro di musica scoprirà subito in lei una vera e propria “stella”.

L’opportunità che le si presenta è quella di affrontare un provino a Parigi a: “Radio France” dove trionferà e dove gli stessi genitori, seppur sordi, si emozioneranno fino alle lacrime, davanti alla performance della figlia.

Anche qui il tema della diversità, del mondo affrontato ogni giorno con forza, entusiasmo ed ottimismo nonostante le oggettive difficoltà e la consapevolezza che un giorno, come poi accadrà, verrà a mancare anche il supporto della figlia Paula.

Nonostante questo, il Signor Bélier, riuscirà a diventare anche il sindaco del Paese, senza il supporto di Paula ma con l’aiuto della moglie e la solidarietà di tutta la cittadina che non fermandosi all’apparenza sceglie proprio lui per cambiare le cose nel piccolo borgo della Provenza, fermo da troppo tempo anche per colpa dello storico sindaco contro cui battendosi con coraggio alle Elezioni nonostante tutto, riuscirà ad avere la meglio.

Con Paula lontana a Parigi, ma vicina col cuore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: